fbpx
///QUALI SONO I FATTORI CHE POSSONO INFLUENZARE LA QUALITÀ DEL LATTE DELLE BOVINE?

QUALI SONO I FATTORI CHE POSSONO INFLUENZARE LA QUALITÀ DEL LATTE DELLE BOVINE?

Grasso e proteina sono i principali parametri qualitativi del latte e la percentuale di tali componenti è una voce importante nel reddito aziendale in quanto partecipano alla composizione del pagamento del prezzo del latte alla stalla. È quindi un obiettivo dell’allevatore mantenere e migliorare questi parametri.

I fattori che influenzano la qualità del latte possono essere di due tipi:

Fattori di tipo non nutrizionale:

  • Genetica: il miglioramento genetico include tra gli indici di selezione anche grasso e proteine.
  • Giorni di lattazione: animali al picco di lattazione hanno titoli più bassi, mentre, ad inizio e fine lattazione, il tenore di grasso e proteine è maggiore.
  • Età: con l’avanzare dell’età diminuisce la capacità di sintesi di caseine da parte del tessuto mammario, mentre la percentuale di grasso rimane relativamente costante.
  • Stagione: durante la stagione calda diminuisce l’ingestione e di conseguenza l’assunzione di energia che, a sua volta, può ridurre i titoli del latte. Viceversa la percentuale tende ad aumentare con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno.
  • Ingestione: promuovere l’ingestione si traduce in un aumento dell’apporto complessivo di energia e nutrienti, fattori che si riflettono sulla produzione e sulla qualità del latte.

 Fattori di tipo nutrizionale

L’influenza dell’alimentazione sulla qualità del latte è stata argomento di numerosi studi che hanno dimostrato la possibilità di modificarne la composizione entro i limiti genetici e fisiologici dell’animale.

Partendo dal presupposto che le produzioni di qualità si verificano quando è rispettata a fisiologia delle bovine, è indispensabile favorire l’equilibrio ruminale per garantire l’attività e la crescita dei batteri. Infatti la degradazione degli alimenti nel rumine porta alla formazione degli AGV, precursori per la sintesi di grasso e proteine nella ghiandola mammaria.

Inoltre è importante anche somministrare alimenti di qualità a complemento dei foraggi aziendali, così da assicurare un corretto apporto di proteina ed energia metabolizzabili.

Per questo motivo Cortal offre un’ampia gamma di prodotti tecnologici studiati per ottimizzare la razione. La lavorazione delle materie prime con la tecnologia Extrusion Technology Cortal permette infatti di esaltare le qualità intrinseche degli alimenti utilizzati, a seconda delle loro caratteristiche:

  • Alimenti a base di amido: la gelatinizzazione dell’amido diventa massima, rendendolo degradabile a livello ruminale e diventando un ottimo substrato per la crescita batterica e la formazione di proteina microbica.
  • Alimenti a base di proteina: viene aumentato il bypass proteico, incrementando la quantità di amminoacidi disponibili per la sintesi proteica mammaria.
  • Alimenti a base di grasso: i grassi non sono denaturati e risultano più digeribili. Inoltre presentano un’elevata shelf life poiché l’olio non percola, nemmeno in fase di stoccaggio.

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti alla newsletter Cortal per ricevere altri approfondimenti:

www.cortal.it/newsletter/

Print Friendly, PDF & Email
2019-11-22T09:51:33+01:0022 Novembre 2019|Gestione dell'allevamento|