fbpx
///COME RINFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO DELLA BOVINA IN TRANSIZIONE?

COME RINFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO DELLA BOVINA IN TRANSIZIONE?

L’inadeguato status immunitario della bovina in transizione, che avviene principalmente a causa di stress fisici e metabolici, determina un aumento delle patologie infettive. Lo scompenso della funzionalità del sistema immunitario ricade principalmente:
• sullo sviluppo di patologie a livello uterino, peggiorando fertilità ed indici produttivi;
• sull’aumento della comparsa di mastiti postparto e dermatiti digitali e interdigitali.
Sebbene sia necessario controllare le patologie infettive adottando opportune tecniche di gestione zootecnica e sanitaria, anche attraverso una buona gestione alimentare è possibile contribuire a contenere il calo fisiologico delle difese immunitarie della “transition cow” garantendo le migliori condizioni di salute.
I nutrizionisti hanno il compito di individuare la razione più efficace per coprire i fabbisogni nutritivi di ogni periodo, ma soprattutto prevenire le malattie metaboliche e l’immunodepressione.

Come intervenire?
Evitare il calo di ingestione in close up, preludio del bilancio energetico negativo (BEN).
È noto che il BEN e la chetosi siano gli eventi che più compromettono l’efficienza dell’immunità cellulo-mediata e quindi sono dirette responsabili dell’insorgenza e del decorso delle patologie infettive durante la transizione. Lo scopo principale da perseguire a tre settimane dal parto è quello di favorire la rapida crescita dei villi ruminali: l’aggiunta di zucchero alla dieta promuove la produzione di acido butirrico, utilizzato principalmente per favorirne la crescita. Per aumentare la quota di glucosio invece i protagonisti sono gli amidi: la loro fermentazione ad acido propionico aumenta i livelli di glicemia nel sangue scoraggiando la mobilizzazione dei NEFA e l’instaurarsi della chetosi.
Apportare proteina metabolizzabile (PM).
In particolare, gli amminoacidi vengono mobilizzati prima del parto per le richieste fetali e dopo il parto per la produzione di proteina del latte. Nelle prime due settimane di lattazione è stato stimato che la bovina riesce a mobilizzare fino a 17 kg di proteine muscolari sia per la produzione di glucosio a livello epatico (gluconeogenesi), sia per la sintesi di caseina nella mammella. Aumentare la quota di proteina by pass in close up si rivela dunque una strategia vincente: oltre a soddisfare le richieste della bovina, gli amminoacidi sono indispensabili per la sintesi di leucociti e anticorpi, rendendo il sistema immunitario più forte ed efficiente.
Aiutare la bovina a combattere lo stress ossidativo.
In condizioni di salute, i radicali liberi vengono disattivati attraverso appositi sistemi antiossidanti. Essi hanno un ruolo importante nella funzione immunitaria e possono incidere positivamente sulla salute delle vacche. I principali antiossidanti specifici sono: la vitamina E (alfa-tocoferolo), aumenta la resistenza alle malattie e riduce l’incidenza di mastiti ed edemi mammari, ha un’azione diretta sulla diminuzione di ritenzione placentare e metriti, regolarizzando i calori; il beta-carotene, precursore naturale della vitamina A, ad attività antiossidante, aumenta la proliferazione linfocitaria e aiuta la bovina nella ripresa dell’attività ovarica; il selenio, utile in condizioni di stress, è un componente chiave nel sistema enzimatico della glutatione perossidasi che agisce inattivando radicali tossici come il perossido di idrogeno, la sua forma maggiormente assimilabile è la selenometionina; lo zinco, in forma chelata per essere maggiormente assorbito, previene la desquamazione dell’epidermide e favorisce la produzione di cheratina che rappresenta la prima barriera contro le infezioni mammarie.

Per rispondere a pieno ai fabbisogni della bovina in transizione Cortal extrasoy ha formulato 3 prodotti specifici per rinforzare il sistema immunitario in questa fase tanto cruciale che, combinati con le razioni personalizzate a base di alimenti estrusi concentrati, consentono di affrontare il periodo con successo:
E-Sel BETA: una “formula d’urto” ideale per contrastare lo stress ossidativo e ripristinare il sistema immunitario.
Epatech: é una formulazione che permette di ripristinare la funzionalità epatica, aumentare le difese immunitarie, ridurre le mastiti e i problemi podali.
Epacol: è ideale nella fase di transizione per favorire la funzionalità epatica, mantiene elevata l’attività ruminale e l’ingestione, ed ha un’azione immunostimolante.

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti alla newsletter Cortal per ricevere altri approfondimenti:

www.cortal.it/newsletter/

Print Friendly, PDF & Email
2020-10-08T12:34:23+02:0002 Ottobre 2020|Gestione dell'allevamento|